La varietà linguistica di Baratili San Pietro
La varietà linguistica di Baratili San Pietro

Secondo la suddivisione fatta da Maurizio Virdis, il dialetto usato a Baratili San Pietro rientra nell’area definita Arborense e presenta le seguenti caratteristiche, differenziandosi dagli altri dialetti e sub-dialetti:- I e U alla fine delle parole, frori, coru;
- suoni velari C e G prima delle vocali E e I (deghi, chentu);
- articoli: sa, su; is (plurale);
- scomparsa della N quando si trova tra due vocali e nasalizzazione di queste ultime (cani, pani,beni, ecc.);- ar- prostetico) usato all’inizio delle parole che cominciano per R; arresoni, arrana, arrosa;
- trasformazione della L tra due vocali in fricativa bilabiale, B; palas (pabas), mela (meba);
- uso dei pronomi atoni ddu, ddi, dda, ddus, ddas (ddu fatzu, dda pigu, ddus betu;- trasformazione del nesso consonantico PL latino in PR; plenu(m) diventa prenu (in altre varietà si trasforma in PI, pienu);
- verbi in -ai, i, -ì, zai, tenni, ;
- aggettivi possessivi: miu, mia, mius, mias, tuu, tua, tuus, tuas, ecc;- raddoppio della L tra due vocali; Natalina - Natallina;
- R seguita da consonante, per assimilazione, non si pronuncia e si raddoppia la consonante che segue; portat>pottat, ortu>ottu.